MOGLIANO VENETO NELLA RETE RE.A.DY: UN GESTO POLITICO PER UN CONFRONTO E L’INCLUSIONE

Martedì 3 marzo, il Consiglio Comunale di Mogliano Veneto ha approvato l’entrata della città nella Rete RE.A.DY., Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.
Non sono passate le istanze ideologiche e reazionarie di chi sostiene una sola forma famigliare, a discapito delle altre. E’ stato respinto l’emendamento che voleva cancellare la formazione ed informazione per il personale scolastico, socio-assistenziale e sanitario, per paura che si potesse promuovere la “famiglia gender”.

ArciLesbica Queequilia plaude a questo risultato. Dopo Treviso, un altro comune della Marca ha voluto rendere pubblica la sua posizione, contro le discriminazioni basate su orientamento sessuale ed identità di genere, e sostenendo un confronto con la cittadinanza e le associazioni, al fine di agire una politica di inclusione e rispetto delle differenze.

Auspichiamo che anche altri Comuni possano compiere questo passo, per rendere sempre più concreto e visibile la necessità di una sinergia tra Amministrazioni e tessuto sociale, per combattere insieme l’omotransfobia, e dare dignità alle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali. Quella dignità, e parità di diritti, che il Parlamento ancora si ostina a non voler riconoscere.

Treviso, 4 marzo 2015

Il Direttivo
ArciLesbica Queerquilia

0 comments:

Posta un commento