SOLIDARIETÀ ALL’ASSESSORA CABINO DI FRONTE ALL’OMOFOBIA PRESENTE A TREVISO, CITTÀ CHE HA TRASCRITTO IL PRIMO MATRIMONIO CONTRATTO ALL’ESTERO DI UNA COPPIA OMOSESSUALE

Apprendiamo che il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, ha trascritto il matrimonio contratto all’estero di una coppia omosessuale residente a Treviso, in netta contrapposizione con il diktat del ministro dell’interno Alfano, e in accordo con tanti altri primi cittadini in differenti comuni italiani. Un gesto simbolico e politico che sottolinea l’avanzamento delle amministrazioni locali e l’arretratezza del Parlamento in materia di parità delle differenti forme famigliari.
Siamo sconcertate, però delle polemiche all’indirizzo dell’assessora alla scuola Anna Caterina Cabino e, ancora di più delle scritte omofobe che sono apparse a pochi metri dall’abitazione dell’assessora alla scuola. Crediamo che l’operato di Cabino sia stato teso, a partire dal conferimento della cittadinanza onoraria ai bambini stranieri di Treviso, all’apertura della città verso la parità di diritti, e a sottolineare quanto ancora in Italia ci sia arretratezza e timore nel legiferare in questa materia.

Sappiamo che il tessuto sociale è plurale e composto da nuclei famigliari eterosessuali, omosessuali, monoparentali, famiglie ricomposte. Crediamo che tutte le famiglie devono essere tutelate, e avere pari diritti, senza la distinzione che alcuni detrattori sottolineano, in virtù di un modello assunto come unico, di natura ideologica ed eterosessista. E condanniamo le scritte omofobe, che riteniamo essere un’azione vergognosa e violenta, esprimendo la nostra solidarietà all’assessora.

Sottolineiamo che la battaglia per i diritti delle persone lgbt e delle loro famiglie, che ormai dura da decenni, sarà ancora lunga finché il nostro legislatore sarà timido ed incapace di promuovere leggi adeguate per la tutela di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali/transgender, lasciando l’Italia in ritardo di fronte a molti Paesi dell’Europa.

10 gennaio 2015
Il Direttivo
ArciLesbica Queerquilia

0 comments:

Posta un commento