Bologna Pride per L'Emilia


LE INIZIATIVE DEL BOLOGNA PRIDE
A SOSTEGNO DEI TERRITORI COLPITI DAL SISMA:

IL 9 GIUGNO CORTEO SENZA CARRI E BANCHETTI DI AGROALIMENTARE IN PIAZZA MAGGIORE

In queste ore di apprensione per il sisma che ha colpito l'Emilia, si è aperta una riflessione sul Pride nazionale che il capoluogo emiliano si appresta ad accogliere il prossimo 9 giugno. Facendo tesoro delle tantissime proposte giunte in queste ore, il Comitato Pride ha deciso di esplorare la possibilità di portare in piazza tra 10 giorni a Bologna non solo le rivendicazioni della comunità lgbt ma anche una grande macchina di solidarietà, un esercizio di Resistenza che renda onore alla tradizione e alla tempra degli emiliani, un gesto di civiltà esemplare da parte di chi proprio per la civiltà scende ogni anno in piazza.

Il prossimo 9 giugno a Bologna, quindi, il Pride ci sarà: perchè il Pride è innanzitutto la denuncia di un vuoto nei diritti e di conseguenza nelle vite delle persone gay, lesbiche e trans del nostro Paese. Questo vuoto non si sospende, non conosce tregua, e miete vittime nel silenzio. Ma soprattutto la denuncia di questo vuoto e le rivendicazioni che da anni la comunità lgbt sostiene non hanno nulla di offensivo né di incompatibile con il tragico momento che l'Emilia sta attraversando.

Ma il Pride si rappresenta come una festa e non è di certo festoso l'animo di un Paese in lutto: per questo il Comitato Pride ha deciso di mutare i connotati di questa festa privilegiando il senso dello stare insieme e proponendo un modello concreto di cittadinanza attiva: pertando il corteo del 9 giugno non avrà carri addobbati né impianti amplificati per la diffusione della musica, accogliendo l'iniziativa spontanea di alcune realtà associative che da subito hanno chiesto di devolvere quelle risorse ai territori colpiti dal sisma e invitando tutte le altre a fare altrettanto. Lo stesso Bologna Pride destinerà i fondi del carro di apertura alle popolazioni colpite dal sisma. Non sarà comunque un corteo silenzioso: alcune bande cittadine, guidate dalle bande musicali che offriranno ai manifestanti le musiche della tradizione emiliana, che il 9 giugno più che mai racconteranno la storia di comunità che non si arrendono.

Durante tutta la manifestazione alcune associazioni del circuito Arci delle cittadine colpite dal terremoto gestiranno direttamente una raccolta fondi. Inoltre, in piazza Maggiore, punto d'arrivo della manifestazione, sarà allestito un piccolo mercato agroalimentare che metterà in vendita i prodotti delle aziende danneggiate dall'evento tellurico.

Infine. la festa di finanziamento al parco Nord con cui si conclude il programma del Pride devolverà una parte dell'utile alle popolazioni terremotate.

Per tutte le donazioni in denaro il Comitato Pride indica il conto corrente nazionale attivato da Arci :

c/c 145350
Iban: IT 39 V 05018 03200 000000145350
intestazione: ASSOCIAZIONE ARCI
causale: EMERGENZA TERREMOTO IN NORD ITALIA
Via dei Monti di Pietralata, n.16
00157 Roma


Queste iniziative sono state messe in campo previo confronto con le istituzioni, prima fra tutte l'amministrazione comunale, che ringraziamo per il sostegno e la fiducia. Ulteriori dettagli saranno forniti nella conferenza stampa che sarà convocata per il 5 giugno a palazzo d'Accursio.


Teatro dell'Oppresso a Verona

Presso il Milk Center di Verona, venerdì 25 maggio, dalle 21.00, la compagnia del Teatro dell'Oppresso "L'altra faccia del dado" presenta:


Non mancate!

Tutti uguali, tutti diversi: 20 maggio a Mestre (Ve)



Il 20 maggio, al Parco Bissuola a Mestre (Ve), ci sarà, a partire dalle 10.00, la Festa delle Famiglie. 

Di seguito il calendario delle attività.



ore 10.30: Diversità: improvvisazioni d'arte di autori veneziani (tecniche miste), Passeggiata “Alla scoperta della biodiversità” (a cura di Legambiente), 
ore 11.00 Un arcobaleno di storie, narrazioni animate per il piccolo pubblico sulla famiglia, l'amore e l'ambiente (a cura de ‘Il libro con gli Stivali’), 
ore 12.30 Un passo avanti, teatr/azione partecipata sul tema diritti e società, 
ore 13.00 pic nic condiviso, 
ore 14.00 Mamme ad alta voce (letture), 
ore 15.00 Mago per caso, spettacolo di clown (a cura de ‘Il piccolo principe’), 
ore 16.00 merenda condivisa offerta da Coop Adriatica, 
ore 16.30 La vanguardia nonsensista , teatro, 
ore 17.00 gruppo hip hop, 
ore 18.00 Moka da Tre, improvvisazione musicale. 
Per tutta la giornata resteranno aperti gli spazi Brain gym (giochi per la mente per adulti e ragazzi), Ludo spazio (laboratori e attività per bambini), L'albero della conoscenza (informazioni e curiosità su natura e diversità), Venezia Comix (l’angolo del fumetto), e Info-point.


Con il supporto di Comune di Venezia - Osservatorio Queer | Assessorato alle politiche giovanili, Istituzione Bosco e Grandi Parchi del Comune di Venezia e di UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, in collaborazione con Associazione Il Piccolo Principe, COOP Adriatica, Cooperativa Sesterzo, Osservatorio Antidiscriminazioni Venezia.



Parole d'amore, a Venezia




Venerdì 18 maggio, presso Ca' Dolfin  a Venezia, dalle 17.00

INCONTRO PUBBLICO: RICERCHE, VIDEO, IMMAGINI


Quali strategie si possono mettere in campo a contrasto dei fenomeni omofobici nelle scuole? Come combattere pregiudizi e stereotipi legati all’identità e all’orientamento sessuale? Quali esperienze possono portare insegnanti e studenti?

GIOVANNI BACHELET, deputato, docente e attento osservatore della questione dei diritti civili e l’Assessore alle politiche giovanili, GIANFRANCO BETTIN discuteranno del tema a partire dai risultati di alcuni laboratori, campagne e progetti di sensibilizzazione realizzati nelle scuole della città.

ALBERTA BASAGLIA e SARA CAVALLARO (Politiche Giovanili) presenteranno il video “Piazzale Roma 8:30. La giusta combinazione”, frutto di uno dei laboratori realizzati al Liceo Benedetti, sorta di comizi d’amore e di inchiesta su omosessualità, amore, stereotipi. 

LUCA TRAPPOLIN (sociologo e ricercatore di gay studies all’Università di Padova) proporrà spunti di riflessione attraverso le ricerche e i focus group che si stanno realizzando con gli insegnanti. 

E’ invece attiva da un anno la campagna degli studenti dell’UDU “Proteggiti dall’ignoranza”: ne parlerà ILARIA GERVASONIi. 

ALESSIA MASO di Legambiente e STEFANIA UBERTI di Famiglie Arcobaleno presenteranno il programma co-finanziato dal Ministero dell’ambiente, “Tutti uguali tutti diversi”, la festa nei parchi prevista per domenica 20 maggio.

Coordina l’incontro DELIA VACCARELLO, scrittrice, giornalista e co-autrice dei laboratori sull’omofobia nelle scuole veneziane.

L’iniziativa è promossa da:
Comune di Venezia - Osservatorio Queer / Assessorato alle politiche giovanili
UDU - Unione degli Universitari & Rete Studenti Medi 

in collaborazione con:
Università Ca' Foscari - Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità 
Unar - Ufficio nazionale antidiscrimininazioni 
Osservatorio Antidiscriminazione Venezia
Legambiente
Famiglie Arcobaleno

Info: veneziaqueer@gmail.com







17 maggio a Venezia e Cordoba




VENEZIA: Metricubi - Campiello delle Erbe 2003 - San Polo 

 CORDOBA: Instituto Italiano de Cultura - Ayacucho 131


COMUNICATO STAMPA

Saluti Queer da Venezia è una serie di nove video-cartoline di altrettante donne e uomini che vivono a Venezia e parlano di diritti civili, discriminazioni, amore, pregiudizi, progetti culturali e sociali.
Sono nove micro-ritratti prodotti dall’Osservatorio Queer del Comune di Venezia e realizzati da due argentini, Pablo Pastor e Salvador Perez, che hanno vissuto in Italia e che ora sono tornati nel loro paese natale.
I nove video, visibili in streaming sul sito www.salutiqueerdavenezia.org hanno anche versioni sottotitolate in inglese e spagnolo e sono l’oggetto di una vera e propria campagna virale sul web che inizierà i prossimi giorni. 
Il progetto è l’ultima iniziativa di una vera e propria indagine creativa e di azione sociale attorno all’identità, realizzata dall’Osservatorio Queer (nato per iniziativa dell’Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Venezia) e che ha realizzato nel corso di un anno decine di iniziative, workshop, esposizioni, ricerche in giro per la città. Un progetto che ha avuto sempre il sostegno dell’UNAR, l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali.
Saluti Queer da Venezia, prodotto da PZP/CULTURA è stato possibile grazie al supporto del Servizio Problemi del Lavoro del Comune e la collaborazione dell’Osservatorio Antidiscriminazioni cittadino.


Contatti

Osservatorio Queer Comune di Venezia
veneziaqueer@gmail.com
queervenice.blogspot.com

PZP / CULTURA
pzpcultura@gmail.com
www.cargocollective.com/pzpcultura

Istituto Italiano di Cultura di Córdoba
+54 351 4213999 / 426 2888
www.iicordoba.esteri.it
info.iiccordoba@esteri.it

Metricubi
www.metricubi.blogspot.com
metricubi@gmail.com


(tratto dal comunicato stampa)

Fun Box - Divertimento in scatola




ArciLesbica Treviso invita tutti e tutte ad una serata di convivialità e divertimento per giocare insieme ai più pazzi giochi in scatola che vi vengono in mente!!!

Si terrà il giorno 16 maggio, dalle 21.30 il locale "Witch Pub" di Roncade (Tv), Via Montello 1.

In collaborazione con Agnese e Anna.