Gay malati e deviati?

La Tribuna di Treviso riporta un articolo riguardante alcune dichiarazioni del sindaco di Spresiano. 

Alcune sue frasi:

“I gay sono malati e deviati, hanno bisogno di aiuto psicologico”.

"Ma controlleremo anche i tanti trans che prendono in subaffitto gli appartamenti per prostituirsi. Dobbiamo recuperare certi valori e la nostra morale”.

"Questa non è la prostituzione femminile, questa è maschile e non può passare inosservata".


Gli atti osceni in luogo pubblico sono perseguibili penalmente, chiunque li compia, indipendentemente dall'orientamento sessuale, dal genere, dall'etnia o da altre differenze

Il primo cittadino di Spresiano coniuga questa pratica con il solo orientamento omosessuale, dichiara di voler recuperare i valori e la morale, e condanna molto di più la prostituzione maschile rispetto a quella femminile.

L'omosessualità è definita, dall'American Psychological Association come una"variante naturale normale e positiva della sessualità umana" e, dall'Organizzazione mondiale della sanità, come una "variante naturale del comportamento umano". Non esiste la voce "omosessualità" né nella classificazione ICD (classificazione internazionale delle malattie e dei problemi correlati, stilata dall'OMS) né nel DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, uno dei manuali diagnostici più utilizzati da psichiatri, psicologi e medici, di tuttol mondo).

Secondo, poi, quanto dice il Sindaco, la prostituzione maschile è peggiore di quella femminile, va condannata e perseguita. Peccato che molte donne sono schiave sessuali, e che le sue affermazioni sono dichiarazioni discriminatorie nei confronti delle donne, spesso vittime. 


Arcilesbica Queerquilia Treviso condanna queste dichiarazioni omofobe e sessiste, volte a discriminare le persone gay e le donne.




1 comments:

  1. secondo me voleva farsi bello cercando di colpire una minoranza e quindi più facile da attaccare. Io ho l'impressione che in Italia si male interpreti la democrazia. Non è democrazia uniformare e omologare tutte le persone secondo un certo schema. Questa è in realtà la dittatura. Democrazia è semmai il dare la possibilità a tutti di avere il proprio spazio nel quale potersi esprimere e vivere la propria vita senza essere giudicate e condannate perché minoritarie.

    RispondiElimina